Sfide del settore minerario: cinque iniziative per gli amministratori delegati
CasaCasa > Notizia > Sfide del settore minerario: cinque iniziative per gli amministratori delegati

Sfide del settore minerario: cinque iniziative per gli amministratori delegati

May 17, 2023

Nonostante i recenti venti contrari, i grandi minatori del mondo sono forti e ottimisti. Oltre al megatrend della transizione energetica e ad altri sviluppi, la pandemia ha innescato un improvviso aumento della domanda unito a interruzioni dell’offerta, che hanno aumentato i prezzi delle materie prime, con un conseguente significativo rialzo per i minatori. I dati mostrano che il 2021 è stato un anno record, e si prevede che il 2022 sarà un altro: negli ultimi mesi, i prezzi di molte materie prime estrattive hanno raggiunto livelli record. Margine EBITDA del settore1 Guadagno prima di interessi, tasse, svalutazioni e ammortamenti (EBITDA) diviso per i ricavi. si stima che sia compreso tra il 40 e il 50% per il 2021, superiore al margine di circa il 34% del 2020, che è in linea con la media storica del 35% tra il 2010 e il 2019. Si prevede che la domanda di materie prime selezionate aumenterà con la crescita della spesa dei consumatori, gran parte della quale probabilmente deriverà dall’ingresso di più di un miliardo di asiatici nella classe media globale entro il 2030.2 “Oltre un miliardo di asiatici si uniranno alla classe media mondiale entro il 2030”, Policy Times, 3 settembre 2021.

I mercati dei capitali hanno riconosciuto e premiato questa performance stellare: dall’inizio dei lockdown globali nel marzo 2020, i 50 principali miner hanno significativamente sovraperformato i principali indici di mercato. La loro capitalizzazione di mercato totale è aumentata di circa il 40% nel periodo da dicembre 2019 a dicembre 2021.

Storicamente, i prezzi ciclici delle materie prime hanno reso le valutazioni volatili. Inoltre, negli ultimi dieci anni si sono verificati cambiamenti significativi tra gli amministratori delegati e i consigli di amministrazione delle società minerarie. Considerato questo quadro, i dirigenti minerari farebbero bene a pensare in modo proattivo a come massimizzare i rendimenti per gli azionisti negli anni a venire. Ciò includerebbe una valutazione dei punti di forza organizzativi e delle tendenze che modellano il settore, insieme alla considerazione di cinque aree di interesse.

Il settore gode di solidi bilanci e profitti e perdite, ma viene da quasi dieci anni di investimenti insufficienti. A livello globale, le spese in conto capitale nel settore minerario sono scese da circa 260 miliardi di dollari nel 2012 a 130 miliardi di dollari nel 2020 (corrispondenti rispettivamente al 15% e all’8% dei ricavi del settore). Questo cambiamento di circostanze è ancora più evidente rispetto alla situazione del 2016: con il calo dei prezzi delle materie prime dal 2012 al 2016, la maggior parte delle società minerarie si è concentrata sulla riduzione delle spese in conto capitale, sulla correzione dei bilanci e sul controllo dei costi. Dal 2016, le spese in conto capitale in termini assoluti sono aumentate, ma rispetto ai flussi di cassa operativi i livelli di spesa in conto capitale sono ancora modesti. Ciò suggerisce che, sebbene la crescita sia ancora una volta nei loro programmi, i team esecutivi e i consigli di amministrazione rimangono cauti nell’utilizzare progetti di capitale su larga scala per alimentare la crescita.

Si prevede che le spese in conto capitale per i 50 principali miner saliranno a 84 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2022, il 30% in più rispetto al livello del 2019. In particolare, tuttavia, questo rimane circa il 30% al di sotto del picco di spesa in conto capitale di circa 125 miliardi di dollari nel 2013. In media, i top miner hanno impiegato circa il 70% del loro flusso di cassa derivante dalle operazioni come spese in conto capitale, fissando i dividendi a circa il 20%. Nel frattempo, secondo la nostra analisi dell’indice di produttività mineraria di McKinsey, la produttività è recentemente migliorata, ma è ancora inferiore di circa il 25% ai livelli raggiunti a metà degli anni 2000.

Oltre allo spazio per migliorare la produttività e le risorse da investire, le società minerarie hanno il potenziale per vedere una domanda continua e forte. Una forza notevole sarà probabilmente la transizione verso un’economia a zero emissioni nette, che sarà inevitabilmente ad alta intensità di metalli. Con il progredire del passaggio verso tecnologie più pulite, ci si aspetta che il settore dei metalli e quello minerario siano sempre più all’altezza della sfida di fornire le grandi quantità di materie prime necessarie. Le società metallurgiche e minerarie dovranno crescere più velocemente e in modo più pulito che mai.

Significativamente, il ritmo della transizione energetica implica che la disponibilità di alcune materie prime dovrà essere aumentata in un periodo relativamente breve – in alcuni casi, per raggiungere i volumi attuali dieci volte o più. In alcuni scenari di transizione tecnologica e di aumento dell’offerta, potremmo vedere la domanda di rame superare l’offerta da 5 a 8 milioni di tonnellate e quella di nichel da 700.000 a 1 milione di tonnellate entro il 2030. Solo per queste due materie prime, stimiamo che il raggiungimento la crescita della domanda potrebbe richiedere una spesa cumulativa in conto capitale compresa tra 250 e 350 miliardi di dollari entro il 2030 per aumentare e sostituire l’esaurimento della capacità attualmente esistente. In tale contesto, data l’incapacità dell’offerta mineraria di rispondere rapidamente, la gestione delle operazioni minerarie diventerà sempre più complessa.