Guanyu Zhou dell'Alfa Romeo è il primo in Cina
CasaCasa > Notizia > Guanyu Zhou dell'Alfa Romeo è il primo in Cina

Guanyu Zhou dell'Alfa Romeo è il primo in Cina

Mar 06, 2023

L'ex junior della Ferrari e dell'Alpine debutterà nel 2022.

HSouthwellFE

hazel_southwell

Con solo tre gare rimaste alla fine della stagione di quest'anno, lo spazio finale sulla griglia di Formula 1 del 2022 è stato riempito. Dopo che Kimi Raikkonen ha finalmente annunciato il suo ritiro e Valtteri Bottas ha preso il suo posto all'Alfa Romeo, rimaneva solo il compagno di squadra del finlandese da annunciare. Questo è stato ora riempito dal primo pilota cinese di F1 ad avere un posto a tempo pieno nella F1, Guanyu Zhou.

Zhou attualmente corre in Formula 2, dove è secondo in classifica con sei gare rimanenti a Jeddah e Abu Dhabi. Zhou non ha avuto affatto una stagione trasandata, avendo ottenuto tre vittorie e altri quattro podi, il che, dato che la F2 è stata davvero difficile essere costanti quest'anno, non è sicuramente da perdere.

Sentirai molto parlare di come Zhou sia un autista pagato grazie al suo sponsor Weichai, la società di motori diesel dello stato cinese. Tuttavia, ha più che guadagnato la sua superlicenza e non è nemmeno in uno dei team particolarmente dominanti della F2 (dove le vetture sono teoricamente tutte uguali ma c'è molta disparità nella manutenzione e nell'ingegneria). E Weichai non è certo il denaro più sospetto per entrare in F1 dietro un pilota, francamente.

In precedenza, Ma Qinghua, pilota cinese di Formula E e auto da turismo, è stato legato al team HRT per due stagioni come pilota di sviluppo. È stato il primo pilota cinese ad avere un ruolo in un weekend di Gran Premio, dopo aver guidato una prima sessione di prove libere sulla vettura di Narain Karthikeyan nel 2012 ma non si è mai assicurato un posto in gara.

"Fin da piccolo sognavo di arrampicarmi più in alto possibile in uno sport che mi appassiona e ora il sogno è diventato realtà", ha detto Zhou riguardo alla firma con l'Alfa Romeo. "È un privilegio per me iniziare la mia carriera agonistica in F1 con un team iconico, un team che in passato ha introdotto così tanti giovani talenti nella F1. Ora il sogno è realtà."

Non ha torto lì. L'Alfa Romeo è una riprogettazione della Sauber, da cui molti piloti (tra cui Sergio Perez e Charles Leclerc) hanno debuttato. Tuttavia, Zhou avrà il suo bel da fare; ci sono grandi cambiamenti in arrivo per il 2022, con una radicale rielaborazione delle regole intesa a consentire ai piloti di correre più vicini risolvendo il problema dell'"aria sporca" causato dall'attuale aerodinamica. E anche se Bottas non ha brillato contro gli standard impossibili di Lewis Hamilton, sarà un avversario difficile contro cui un debuttante potrà confrontarsi.

Zhou sembra tranquillo al riguardo, però, dicendo che si sente "ben preparato per l'immensa sfida della Formula 1, l'apice del mio sport, insieme a un talento comprovato e di livello mondiale come Valtteri Bottas". Ha definito la sua firma "una svolta per la storia del motorsport cinese" e ha detto: "So che molte speranze riposeranno su di me e, come sempre, lo prenderò come motivazione per migliorare e ottenere di più".

Antonio Giovinazzi, che perde il posto dell'Alfa Romeo a favore di Zhou, parte per nuovi pascoli. È stato annunciato come il secondo pilota della Dragon-Penske in Formula E, insieme a Sergio Sette-Camara, dopo aver già corso un test da rookie in FE per la Virgin nel 2018. I suoi capelli erano comunque troppo belli per la F1, quindi sono felice che venga a noi.

Hai un suggerimento per la storia? Raccontacelo su [email protected]